Qual è la disfunzione erettile?

La disfunzione erettile (DE) è l’incapacità di sviluppare e mantenere un’erezione per soddisfare attività o rapporti sessuali. La disfunzione erettile o la disfunzione erettile sono i termini preferiti anziché l’impotenza. Non ci sono criteri uniformi che definiscono il grado di coerenza del problema e quanto tempo dovrebbe durare per il particolare ED.

Ricerca sulla disfunzione erettile

Diversi studi hanno concordato la prevalenza della disfunzione erettile. Lo studio sugli uomini anziani in Massachusetts ha riscontrato una prevalenza del 52%. Lo studio ha dimostrato che l’ED è più comune con l’età: circa il 40% degli uomini è colpito a 40 anni e quasi il 70% degli uomini a 70 anni. La prevalenza di ED completa è aumentata dal 5% al ​​40% al 15% entro i 70 anni. L’età era la variabile più fortemente associata all’ED.

Uno studio nazionale più ampio, la National Survey of Health and Social Life, ha analizzato la funzione sessuale tra uomini e donne. Questo studio è stato condotto su 1.410 uomini di età compresa tra 18 e 59 anni e ha anche mostrato un aumento della disfunzione erettile con l’età. Inoltre, lo studio ha rivelato una diminuzione del desiderio sessuale con l’età. Gli uomini di coorte più anziani (età 50-59) avevano una probabilità tre volte maggiore di manifestare disfunzione erettile e avevano riportato un basso desiderio sessuale rispetto agli uomini di età compresa tra 18 e 29 anni. L’esperienza della disfunzione sessuale era più probabile negli uomini con scarsa salute fisica ed emotiva.

Fisiopatologia

Lo sviluppo dell’erezione è un evento complesso che coinvolge l’integrazione di sistemi anatomici psicologici, neurologici, endocrini, vascolari e locali. Studi di scansione con tomografia a emissione di positroni hanno suggerito che l’attivazione sessuale si attiva in centri corticali superiori che stimolano quindi i nuclei preottici mediani e paraventricolari dell’ipotalamo. Questi segnali finiscono per passare attraverso una complessa rete neurale che coinvolge il sistema nervoso parasimpatico e l’attivazione dei nervi parasimpatici nella regione sacrale (da S2 a S4).

Alla fine, eventi neurovascolari determinano l’inibizione del tono adrenergico e il rilascio del neurotrasmettitore non colinergico e non-adrenergico. Si pensa che l’ossido nitrico sia rilasciato dai nervi non scheletrici e non-adrenergici e dalle cellule endoteliali. Successivamente, stimola il sistema enzimatico guanilato ciclasi nella muscolatura liscia del pene. Ciò si traduce in un aumento dei livelli di guanosina monofosfato ciclico (GMP) e, in definitiva, rilassamento della muscolatura liscia, aumento del flusso arterioso e veno-occlusione, producendo sufficiente fermezza per l’attività sessuale.

I noti fattori di rischio per la disfunzione erettile comprendono malattie cardiovascolari (ipertensione, aterosclerosi e iperlipidemia), diabete, depressione, consumo di alcool, fumo, chirurgia o trauma pelvico / perineale, malattie neurologiche, obesità, radioterapia pelvica e malattie respiratorie. Peyronie Uno studio ha suggerito che la relazione tra malattia arteriosa ed ED è molto forte, con il 49% (147 su 300) dei pazienti con malattia coronarica osservata durante cateterizzazione cardiaca e segnalazione di disfunzione erettile significativa. La disfunzione endoteliale è stata segnalata come un meccanismo patofisiologico responsabile di CVD ed ED.

Alcune evidenze suggeriscono che l’infiammazione cronica associata alla sindrome metabolica abbia anche un ruolo nella disfunzione endoteliale e nella funzione erettile, probabilmente a causa dello stress ossidativo.

Incidenti neurologici, sclerosi multipla, morbo di Parkinson e lesioni del midollo spinale sono esempi di condizioni neurologiche comuni che possono portare a disfunzione erettile. Si ritiene che la malattia microvascolare associata al diabete aggravi le lesioni endoteliali e neurali associate a questa malattia. La chirurgia pelvica può interrompere i percorsi nervosi e vascolari, causando disfunzione erettile.

Segni e sintomi

Alcune misure autosomministrate possono essere utili nell’assistenza primaria per rilevare e valutare il grado di disfunzione DE. Lo strumento più utilizzato è l’indice internazionale della funzione erettile, un questionario di 15 item che è stato validato in molte popolazioni ed è considerato il gold standard per la valutazione dei pazienti con ED. The Sexual Health Inventory for Men è un breve questionario in cinque punti per monitorare i progressi del trattamento. È importante riconoscere che il breve questionario non valuta aree specifiche del ciclo sessuale, come il desiderio sessuale, l’eiaculazione e l’orgasmo; Tuttavia,

Lascia un commento